BOLGARE: NESSUN AIUTO PER LE FAMIGLIE IN DIFFICOLTA’

PRES

OGGI SABATO 30 GENNAIO, SOTTO LA PIOGGIA, AS.I.A. BERGAMO E COMITATO DI LOTTA PER LA CASA ERAVAMO IN PRESIDIO DAVANTI AL COMUNE DI BOLGARE. ANCORA UNA VOLTA UNA FAMIGLIA CON MINORI RISCHIA DI ESSERE SFRATTATA DALLA PROPRIA CASA; ANCORA UNA VOLTA LA MOROSITA’ INCOLPEVOLE, RICONOSCIUTA FORMALMENTE DALLO STATO ITALIANO CON IL DECRETO LUPI, NON VIENE TUTELATA DA AMMINISTRATORI CIECHI ED IRRESPONSABILI.
IL 5 FEBBRAIO IN VIA DANTE A BOLGARE, SU PRESSIONE DEI PROPRIETARI, ARRIVERANNO UFFICIALE GIUDIZIARIO E POLIZIA A SFRATTARE UNA FAMIGLIA DALLA CASA IN CUI ABITANO. LA MADRE E IL FIGLIO PICCOLO, ENTRAMBI CITTADINI ITALIANI, RISCHIANO DI FINIRE IN MEZZO ALLA STRADA A CAUSA DI AMMINISTRATORI (SINDACO E SERVIZI SOCIALI) CHE FANNO FINTA DI NIENTE E NON AIUTANO LE PERSONE IN DIFFICOLTA’. AL CONTRARIO ANDREBBERO INVESTITI CONSISTENTI FONDI IN CASE POPOLARI ED AIUTI, E ANDREBBERO DISCUSSE MISURE DI INTERVENTO IMMEDIATE.
NELL’ULTIMO ANNO CI SONO STATI IN BERGAMO E PROVINCIA OLTRE 2000 SFRATTI E CIRCA 6000 PIGNORAMENTI BANCARI, LA MAGGIOR PARTE CAUSATI DALLA PERDITA DEL LAVORO O DI UNA PARTE CONSISTENTE DEL REDDITO FAMIGLIARE, PER COLPA DI UNA CRISI CHE NON ACCENNA A FINIRE MA ANZI CONTINUA AD INTENSIFICARSI E A COLPIRE I CITTADINI ED I LAVORATORI PIU’ POVERI.
IL COMUNE DI BOLGARE, CHE NON APRE IL BANDO PER LE CASE POPOLARI DA OLTRE 10 ANNI, INVECE DI DENUNCIARE L’EMERGENZA ABITATIVA AL PREFETTO CHIEDENDO MISURE URGENTI DI INTERVENTO DI AIUTO ALLE FAMIGLIE (COME HA FATTO PER ESEMPIO IL COMUNE DI ALME’), FORTE DELLA DELIBERA COMUNALE 137 DEL 2013 OFFRE COME UNICA SOLUZIONE AI NUCLEI CON MINORI A CARICO QUELLA DI SEPARARE I FIGLI PICCOLI DALLE LORO MADRI, SPEDENDO I PRIMI IN COMUNITA’ E LE SECONDE PER STRADA!!!
L’EMERGENZA ABITATIVA NEI PROSSIMI ANNI E’ DESTINATA A CRESCERE SEMPRE DI PIU’, E NON E’ PIU’ TOLLERABILE FARE FINTA DI NIENTE DI FRONTE AL MENEFREGHISMO DI AMMINISTRATORI E SERVIZI SOCIALI STIPENDIATI DA TUTTI NOI.

LA CASA E’UN DIRITTO!!